OTTIMIZZA LA TUA VENDITA

Perchè dividere ?

Perchè due appartamenti di 100 mq valgono fino al 20% in più rispetto ad uno di 200 mq,

senza contare la maggiore richiesta di immobili di piccole o medie dimensioni.

Incrementerai il tuo patrimonio e dimezzerai i lunghi tempi di vendita.

Quando è possibile frazionare?

La prima cosa da fare è affidarsi ad una società con esperienza nel settore, che segua tutte le fasi di divisione, dallo studio di fattibilità al marketing di vendita ed in fine alla divisione vera e propria delle due o più unità immobiliari.

i requisiti principali sono i seguenti: 

- Superficie minima commerciale 90 mq. 

- Verifica della regolarità urbanistica.

- Verifica degli scarichi

- Possibilità di realizzare due o più ingressi

- Possibilità di istallare i nuovi contatori luce e gas.

Devo ristrutturare le unità frazionate?

Assolutamente no, la distribuzione interna rimane quella in essere, dovrai solo dividere fisicamente e catastalmente le due o più unità immobiliari e realizzare i nuovi ingressi d'accesso, andando a predisporre gli allacci per le nuove utenze luce e gas.

Quando devo dividere le due o più unità immobiliari?

Prima dell'atto definitivo di compravendita le due o più unità immobiliari dovranno essere divise, fisicamente, catastalmente ed urbanisticamente. 

Ma potrai pubblicizzare il tuo immobile ed accettare proposte subordinate al buon fine del frazionamento immobiliare.

Come realizzo i nuovi ingressi per le due o più unità abitative?

L'aspetto principale da considerare nel frazionamento è come realizzare l'acceso alle due o più unità immobiliari, le soluzioni sono le seguenti:

- Realizzare una bussola (ingresso in cumune) di distribuzione all'interno dell'appartamento originario, i proprietari entrano dalla vecchia entrata e si trovano in uno spazio in comune dove sono collocati i nuovi ingressi.

La proprietà dello spazio in comune viene in genere data in comunione ai nuovi proprietari.

- L'immobile dispone di due o più accessi, in questo caso si possono utilizzare gli accessi esistenti, senza realizzare parti in comune o nuovi accessi su parti condominiali.

Aprendo un nuovo accesso sul pianerottolo condominiale, in questo caso è preferibile che l'assemblea condominiale autorizzi l'intervento in quanto si modifica lo stato di fatto delle parti condominiali. 

  

Quali sono le pratiche edilizie e gli oneri per frazionare il mio immobile?

Le pratiche edilizie da presentare al comune sono le seguenti: CILA o SCIA, sono pratiche edilizie con cui il frazionamento viene autorizzato a livello amministrativo e urbanistico al comune di appartenenza.

Successivamente bisogna presentare l'aggiornamento catastale al catasto,

 

Oneri accessori:

- Tecnico abilitato             = € 1.200,00  

- oneri di segreteria         = € 251,00

- nuovo accatastamento  = € 51,00

- opere murarie, da definire 

BE IN 
TOUCH

Modulo casa s.n.c. - Viale cortina D'ampezzo 152 - 00135 Roma - P.IVA 02069371009

  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White Instagram Icon